Una sharing economy in cui non si condivide nulla

unknown2

Cos’è la sharing economy? E soprattutto cosa si condivide nella cosiddetta economia della condivisione? Cosa mettono in comune l’autista e il passeggero di Uber? Il proprietario e l’ospite temporaneo di Airbnb? Le studiose inglesi Giana Eckhardt e Fleura Bardhi si sono poste la domanda e la risposta che si sono date è che non si condivide niente. Al di là della legittimità e opportunità di far entrare nel mercato altri soggetti, è la definizione di sharing economy ad essere in discussione. Eckhardt e Bardhi propongono infatti di parlare più propriamente di economia dell’accesso, di affitti temporanei. Quello che emerge dai loro studi è che chi aderisce alle varie piattaforme web non è interessato a incontrare altra gente, ma prevalentemente a risparmiare e ad avere un buon servizio. Non a caso gli utenti di Airbnb, quando possono, preferiscono usare la casa in assenza del proprietario (senza quindi essere costretti a condividerne lo spazio). Non a caso lo slogan di Uber è “Better, faster and cheaper than a taxi”. Eckhardt e Bardhi arrivano a chiedersi se il minore successo del concorrente Lyft, che offre praticamente lo stesso servizio, puntando però sulla socializzazione (“Siamo un amico con una macchina”) non sia dovuto proprio al fatto che enfatizza troppo l’aspetto della condivisione!

da  Una Città 

Tutti parlano di sharing economy, l’economia della condivisione, e tutti danno per scontato che sia normale condividere qualcosa in cambio di un corrispettivo monetario. Ma si tratta di condivisione, allora?

Se sono insieme a qualcuno ad un convegno ad esempio, e il convegno si dilunga e il mio amico non si è portato il panino, se io sorridendo tiro fuori il mio panino e dico “Non preoccuparti, lo condivido volentieri!” davvero questo amico si aspetterà che gli chieda la metà del costo del panino? Io dico di no. Nè questa è la mia intenzione nella proposta di condivisione.

Forse più che di sharing economy bisognerebbe parlare di una come-faccio-a-far-fruttare-quello-che-ho economy. È il caso di Uber, di Air B and B, di Gnammo e di tutte quelle piattaforme in cui le persone offrono servizi a pagamento sfruttando qualcosa di loro (auto, camera in più, abilità culinarie).

Perché condividere significa un’altra cosa e quella cosa io l’ho sperimentata anni fa col CouchSurfing, la piattaforma che mette in contatto persone che in tutto il mondo offrono o cercano ospitalità non a pagamento. E quella sì che è una vera sharing economy perché con le persone che ti ospitano condividi qualcosa di tuo che non è monetarizzabile: il tempo, la tua storia, la reciproca conoscenza, il piacere a volte di visitare la città in questione in compagnia dell’ospite ospitante. E la bellezza di questo progetto era che non si tratta di un dare-avere, ma di mettere a disposizione la propria casa per qualcuno da cui  probabilmente non saremo ospitati, semplicemente perché magari nella nostra vita non andremo mai nella sua città di provenienza. A me è successo una volta sola di scambiare il favore con chi mi aveva ospitata. Ma per il resto si tratta di gettare secchiate di generosità, apertura e altruismo in un grande calderone da cui poi ognuno prenderà secondo propria necessità, senza sapere dove e quando.

Quando penso alla vera sharing economy ad esempio, penso all’utilissimo Weekly Motivational Planner creato dalla cara Von Calypso, che lei rende disponibile gratuitamente sul suo blog, con un puro intento di condivisione, senza nessun ritorno.

Non credo ci sia qualcosa di sbagliato di per sé nello sfruttare il proprio spirito imprenditoriale servendosi delle moderne tecnologie per crearsi uno stipendio. Certamente tutto questo sta creando tanti problemi di regolamentazione (e non solo) che andranno risolti, si vedrà come. Ma per favore non chiamiamola condivisione.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...