Di casa in casa #6: the end!

E quindi ci sono io che me ne torno bel bella a casa, il messaggio immediato non arriva, ma non mi preoccupo, mi sento ottimista: se non arriva non doveva arrivare, se doveva arrivare magari arriverà.

E infatti arriva il giorno dopo: l’amica forse ha la camera libera, mi viene girato il suo contatto e la chiamo immediatamente. La voce è quella di una donna simpatica e disponibile, mi dice che lei non è solita affittare, ma la casa è sua e il mutuo e più alto di quanto prevedeva, così ogni tanto offre la seconda camera a persone fidate per avere un sostegno nelle spese. Al momento la camera è già affittata, ma il ragazzo che ci sta non ha avuto la conferma del lavoro, a giorni deve fare un altro colloquio e se lo prenderanno resterà, sennò tornerà in Calabria: nel caso sarò avvisata prontamente e se la cosa mi interessa ancora potrò visitarla.

Riattacco e penso a quanto sia assurdo che la mia fortuna debba dipendere dalla sfortuna di un altro, sospendo pensieri in merito, non voglio augurarmi nulla in questo senso, non posso sperare che a qualcuno le cose vadano male perché possano andare bene a me. Ma dopo una giornata ecco di nuovo la chiamata di T. che mi dice che il ragazzo ha deciso di tornare a casa sua e che dato che durante il week end sarà via se voglio posso andare a vedere la casa.

La casa è davvero graziosa, in un palazzo del centro storico è anch’essa su due piani: la porta si apre su un salotto con divano e tavolo in vetro, alle spalle del tavolo una bella cucina. Ci sono due porte attigue, una da’ sul bagno, l’altra su un bellissimo terrazzino interno, con tanto di gazebo, tavolo, sedie e sdraio e diverse piante a ornarlo.
Al secondo piano c’è un altro bagno e le camere da letto: quella a me destinata è piccina, con un  letto singolo sotto un armadio a ponte e una piccola scrivania. La casa è tutta nuova, arredata con gusto e con attenzione ai dettagli, c’è parquet ovunque e la proprietaria mi dice che nel prezzo forfettario è compreso tutto, anche il cambio delle lenzuola e le pulizie. Dico che ci penserò, ma anche qui la decisone è già presa e dopo qualche giorno fermo la stanza.

E così ieri mi sono trasferita e dai passati traslochi il desiderio di essere leggera mi è rimasto: avere poche cose, essenziali e intelligentemente abbinabili, continua ad essere il mio mantra, almeno finché non avrò trovato LA casa. Arrivo da lei di sera, mi mostra alcune cose della casa e mentre va a scaricare la macchina (è stata tre giorni a trovare sua madre) io prendo possesso della camera.

Ci sediamo a tavola a bere una tisana, mangiando biscotti e raccontandoci le vite reciproche e scopro che anche lei, come me, ha sempre odiato l’idea di posto fisso, ma dopo un diploma in ragioneria, l’iscrizione al Dams, la frequentazione di un corso per tecnici audiovideo e il successivo lavoro in questo campo che l’ha portata in giro per il mondo a fare filmati e videoclip senza giorni, né orari, si è ritrovata a fare un concorso per soli titoli in Provincia e quando è stata presa ha deciso di accettare perché l’età avanzava e pur temendo la noia del lavoro d’ufficio iniziava a sentirsi stanca di quel tipo di vita.

Insomma, eccomi qui, all’inizio di questa nuova avventura: finalmente sono in una delle biblioteche più belle di Bologna, concentrata sui miei libri, i miei scritti e le mie interviste come immaginavo di fare da tempo.
Nuove routine di cui avevo bisogno, come una ventata d’aria fresca nei pensieri un po’ ispessiti dall’abitudine e dalla mancanza di una stanza tutta per me: svegliarmi in una stanza nuova, nuovi scorci dalla finestra. E poi camminare sotto i portici di Bologna, fare una piccola spesa giusto per avere qualcosa da mettere sotto i denti in questa giornata in biblioteca e stasera arrivare a casa e avere in programma di andare con T. e dei suoi amici a vedere uno spettacolo su scritti pasoliniani.

Ecco la vita che voglio. Almeno per questo mese 🙂

 

 

Annunci

6 pensieri riguardo “Di casa in casa #6: the end!

  1. Bene Mari, anche senza progettare troppo in là, l’importante è crearsi le condizioni per fare quel che si vuole adesso! Dev’essere bello viversi il centro di Bologna, con i suoi portici, adesso…
    conosci gli scritti corsari di PP? Me li consiglieresti? ps ci tengo a precisare che non leggo solo certe cose ih ih ih e se leggi il mio ultimo articolo te ne puoi accorgere

    Mi piace

    1. Lessi gli Scritti Corsari molti anni fa, non ricordo più quasi nulla, tranne la sensazione profetica di quanto leggevo… ma direi che è un’osservazione un po’ inflazionata quando si parla di Pasolini 🙂 Sarebbe interessante rileggerli adesso, con tanta vita in mezzo e altre consapevolezze. Sì, li consiglierei e se li leggerai sarà interessante sapere le tue considerazioni in merito.
      Eh eh, ho visto il tuo articolo 🙂 Ti sta venendo voglia di sperimentare il viaggio a piedi e parcheggiare per un po’ la bici?

      Liked by 1 persona

  2. Ebbene, congratulazioni!! 😀 Mi dispiace quasi che questa sia l’ultima puntata del “cerco casa” ma sono felice che tu l’abbia trovata. Una coinquilina che mi accoglie con tisana e biscotti mi starebbe subito molto simpatica, e direi che i tuoi progetti per il prossimo mese sono proprio ottimi, a partire dal passeggiare sotto i portici del centro di Bologna che come ti avevo già scritto amo molto. Spero di poterci fare un salto sotto Natale anche se credo che causa lavoro (per fortuna, dai!) me ne starò di qua dall’Appennino tutti i fine settimana.
    buon week end!

    Liked by 1 persona

    1. Grazie grazie! Non preoccuparti per la fine della serie “Di casa in casa”, ho come l’impressione che a breve inizieranno altre avventure in serie 🙂
      Io sarò fissa qui fino grossomodo al 20 di dicembre, poi per Natale e Capodanno probabile giro in sud Italia, e poi ancora non so se tornerò a Bo o no…chissà? Verdò come vanno le cose: i miei orizzonti temporali sono vicinissimi!
      Ad ogni modo se dovessi passare da queste parti è d’obbligo vedersi :), uguale se verrò verso Firenze (mi pare di capire che tu stia da quelle parti).
      Buon lavoro allora!

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...