Essere pronti

“Quando l’ allievo è pronto il maestro compare” dicono gli indiani a proposito di un guru, ma lo stesso è vero di un amore, di un posto, di un avvenimento che solo in certe condizioni diventa importante. Inutile cercare le ragioni, andare a caccia di fatti e spiegazioni. Noi stessi siamo la riprova che c’è una realtà al di là di quella dei sensi, che c’è una verità al di là di quella dei fatti e se ci ostiniamo a non crederci, perdiamo l’ altra parte della vita e con quella la gioia, appunto, del mistero.

Tiziano Terzani, “Un altro giro di giostra”

Annunci

8 pensieri riguardo “Essere pronti

  1. Splendido Tiziano. Alcuni dei suoi libri sono lì ad aspettarmi e non mi decido ad aprirli, perché in parte ho paura delle verità che potrei trovarci dentro

    Mi piace

    1. Cara Letizia, io con Terzani sono partita dalla fine leggendo molti anni fa “La fine è il mio inizio”, ultimo libro in cui racconta la storia della sua vita, denso di spunti di riflessione e di umanità, un uomo alle prese coi suoi sogni e le sue urgenze, le delusioni, le cadute e la continua ricerca.
      E anche gli altri libri che ho letto avevano il pregio di raccontare l’uomo, più che il giornalista, forse è questo che piace di lui e che allo stesso tempo non piace: è umano, non un eroe o un mito. Potrei essere io, potresti essere tu. Ha intuizioni geniali e a fianco dubbi esistenziali, crisi, demoni.
      Quando sarà il momento per te, i libri si apriranno 🙂

      Mi piace

      1. Ho letto anch’io La fine è il mio inizio, fra l’altro dopo averlo visto presentare da Folco in un piccolo teatro della mia città, e l’ho amato molto. 🙂 è stato un bellissimo modo per entrare nella sensibilità di Tiziano e iniziare ad avvicinarmi ad una certa visione delle cose e spiritualità che forse aveva già cominciato a prendere piede in queste circostanze, molti anni fa.
        Ho apprezzato moltissimo anche il documentario-intervista Anam, il senza nome…quindi in quel periodo mi sono stati regalati o ho acquistato quasi tutti i libri di Terzani, ma inspiegabilmente non li ho ancora letti, a distanza di anni. è una cosa che voglio fare con la giusta cura ed attenzione, in un momento di giusta ricettività. La “paura” dell’affrontare queste letture può sembrare del tutto insensata, ma per come sono fatta vi troverei spunti di riflessione immensi, e il rischio è di non coglierli, o farli miei fin troppo, se fosse il momento sbagliato.

        Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...